La banca centrale turca ha alzato finalmente i tassi di interesse, dal 17,75% al 24%, contro i moniti del dittatore Erdogan e in favore delle aspettative degli investitori istituzionali: la lira ha recuperato qualcosa (il 4%) nei confronti del dollaro, mentre il paese mediorientale ha tentato in questo modo di dimostrare la propria credibilità nella gestione di una politica monetaria indipendente dalle pressioni politiche. Ma la decisione, senz’altro opportuna, non è sufficiente per invertire la tendenza che sembra puntare ad una vera e propria crisi economica dopo quella finanziaria, soprattutto se non bastasse a riaprire i canali del mercato del debito che avevano sostenuto il boom economico degli ultimi anni, e se la forza del dollaro continuasse a pesare sulla capacità di restituzione dei prestiti ottenuti nella valuta americana. La lira turca ha perso, non a caso, circa il 40% quest’anno, rendendo gli interessi più difficili da pagare, perché sconta l’avversione degli investitori per tutti i mercati emergenti (che ha affossato anche il peso argentino e messo in difficoltà le monete del Sudafrica, dell’Indonesia, dell’India, e altre) – conseguenza prima delle paure per la contrazione della crescita economica globale, per le decisioni sui dazi e per le politiche monetarie restrittive avviate dalla FED, sempre più banca centrale del mondo – e perché è una delle aree politiche del mondo dove è più evidente che lo spirito dei tempi non è a favore della democrazia e della libertà di espressione umana indispensabile per sviluppare un mercato sano.

 

Le news sono strumenti per l’attività quotidiana, e i mercati che sono attivi tutti i giorni della settimana risentono di esse e le preparano in un rapporto di causa ed effetto infinito. L’alta frequenza di operazioni finanziarie e  di dichiarazioni politiche sporca o colora il quadro di lungo periodo, ma non cambia i suoi tratti essenziali.

L’incontro di ieri tra Juncker e Trump è servito a calmare un po’ gli animi, permettendo forse un riposo sereno e riflessivo per gli operatori finanziari e per tutti gli interessati alle vicende di una guerra commerciale (politica) che stanno soffrendo un riscaldamento eccessivo della temperatura globale, preoccupati che il clima possa diventare irrespirabile per chi è abituato a vivere nella certezza dello scambio amichevole di merci tra i paesi occidentali e nel sostegno della forte domanda americana.

Parlando nella conferenza stampa congiunta al Rose Garden, i due leader hanno addirittura ipotizzato la progressiva eliminazione di ogni tariffa e rassicurato sulle trattative che l’Europa e gli Stati Uniti stanno conducendo per risolvere le questioni che hanno portato all’aumento delle tariffe doganali e per evitare l’estensione di esse al settore auto (che è la fetta più grossa della torta). In realtà nulla è di fatto cambiato: Juncker peraltro non ha nessun mandato per parlare a nome di paesi europei che hanno interessi commerciali divergenti.

La buona notizia, insomma, è semplicemnte questa, che l’incontro non è stata l’occasione per esagerare lo scontro (da Trump ci si aspetta di tutto), ma anzi per annunciare una tregua tra due parti che rischiano la reciproca distruzione economica. La minacca protezionistica è però tutt’altro che finita.

 

 

Al vertice Nato di ieri a Bruxelles, gran parte dei leader presenti si sono chiesti, come riportato dal Presidente bulgaro Rumen Radev, quanto Trump fosse serio nel chiedere agli alleati l’innalzamento della spesa militare al 4% del PIL, quando la maggior parte dei 28 paesi membri non ha finora neanche raggiunto la quota prestabilita del 2% (fanno eccezione solo la Gran Bretagna, l’Estonia, la Grecia e la Lituania). L’Italia, anche in questa classifica, è tra gli ultimi: sotto quota 1,5%.

Eppure già si è visto che il Presidente degli Stati Uniti non è soltanto un comunicatore di cambiamenti radicali, ma anche e soprattutto un esecutore di essi: le barriere commerciali sono già una realtà, come lo sono tutte le politiche contro le istituzioni internazionali. “America First” non era un semplice slogan da campagna elettorale ma il titolo di una nuova strategia delle relazioni internazionali.

L’obiettivo di Trump sembra essere quello di indebolire l’Europa a guida tedesca (ma è possibile un’altra Europa?) e privilegiare allo stesso tempo le relazioni bilaterali tra stati nazionali, a cominciare dal ruolo della Russia: la NATO è l’ombrello sotto il quale si è potuta sviluppare quella Unione Europea che non si adatta alla nuova visione degli interessi americani e quindi deve essere indebolita.

Nessun governo oggi in Europa ha l’autorevolezza politica di Trump e di Putin, che godono di un consenso sicuro nei loro rispettivi paesi: per questo l’incontro tra i due che si svolgerà il 15 luglio a Helsinki diventa un segnale di amicizia tra le due potenze una volta nemiche che impensierisce gli alleati storici e deboli dell’America.

L’Europa che non ha una voce univoca in politica estera, né un sistema di difesa autonomo, è una potenza commerciale che non vuole né può diventare politica, un ostaggio conteso e un partner frustrato. Se Trump dovesse decidere di abbandonare l’Alleanza Atlantica, se dovesse prevalere l'”hard Brexit” (caldeggiata dallo stesso Trump), se la Russia dovesse riuscire ad accreditarsi come partner degli Stati Uniti, allora l’Europa diventerebbe anche un soggetto politico accerchiato da potenze ostili. Speriamo che almeno allora questa vecchia culla di civiltà batta un colpo e dimostri la sua utilità nel mondo contemporaneo.

 

Il governo di Theresa May ha cominciato finamente a trattare con le istituzioni europee i termini della fuoriuscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea, decisa l’estate di due anni fa con un referendum che si è concluso 51 a 49. Tuttavia il paese è ancora spaccato a metà tra chi vorrebbe una “soft Brexit” e chi invece una “hard Brexit”: e le divisioni lacerano dall’interno sia i conservatori al governo che i laburisti all’opposizione.

Il piano di un accordo, elaborato dal governo britannico la settimana scorsa dopo una lunga trattativa, ha portato alle dimissioni di David Davis e Boris Johnson (rispettivamente negoziatore per la Brexit e Ministro degli Esteri), i quali sostengono una linea di distacco radicale dall’UE e di cambiamento profondo delle relazioni internazionali della Gran Bretagna. Non ci sono ad oggi i numeri per una crisi di governo, ma la debolezza dell’esecutivo britannico si è resa ancora più evidente.

Il problema dei rapporti tra Europa e Gran Bretagna non è certamente recente, affonda le sue radici nella storia secolare ed emerge ancora nelle sue contraddizioni e paradossi naturali con la nascita e lo sviluppo delle istituzioni europee: non si risolverà con una giornata di incontri tra policy makers e con qualche vertice internazionale. Tuttavia, aver chiesto l’opinione agli elettori su un tema così importante è stato un grande errore (di quelli che i politici impreparati ad interpretare il proprio ruolo fanno spesso): il rischio doveva essere calcolato con una valutazione più attenta delle forze in campo. Scriveva non casualmente Sun Tzu che “I guerrieri vittoriosi prima vincono e poi vanno in guerra“.

Il risultato è che la Gran Bretagna oggi non ha un piano accettabile per l’UE nè una strategia per uscire dalla UE conservando il consenso degli elettori nonostante la contrazione degli investimenti annunciata già pubblicamente da grandi gruppi industriali, come Airbus, Jaguar, Land Rover. Il piano della May, che vorrebbe tenere insieme l’unione doganale e la libera circolazione delle merci con una maggiore autonomia di scelta da parte del legislatore britannico, viola la logica stessa dell’Unione, che non permette agli stati membri di prendere solo le parti del mercato che piacciono e di rifiutare il resto: è allora forse da interpretare come una prima proposta, fatta per essere rifiutata ma allo stesso tempo per fare chiarezza sulla discussione, soprattutto all’interno della maggioranza guidata da Theresa May.

Soltanto nel contesto politico internazionale trovano senso e prospettiva, una storia, le politiche nazionali e le corrispettive dinamiche elettorali.

Ecco quindi che delle tante cose che avrebbe importanza dire sull’accordo di governo ormai quasi fatto tra il M5S e la Lega, la chiarezza con la quale si promuove un rapporto privilegiato con la Russia è quella cosa che spiega meglio tutto il resto.

Lo schema non è dissimile da quello già visto con la Grecia dopo il successo di Syriza, ma questa volta dalla parte di Putin sembra conveniente stare non solo per sfuggire alla repressione del controllo dei conti pubblici e dell’austerità europeista, ma anche per una più profonda assenza politica degli Stati Uniti a guida Trump, che abbandonano l’Europa e guardano di più al Pacifico: il ritiro dall’accordo iraniano e il contemporaneo tentativo di conciliazione con Cina e Corea del Nors è parte infatti di una strategia isolazionista che lascia il Vecchio Continente ai margini delle relazioni internazionali (come ha fatto notare anche Obama criticando il cambio di rotta e giudicandolo negativo per gli interessi americani) e in una prospettiva di crisi economica non ancora superata.

L’economia americana va forte, quella europea no: il differenziale tra i tassi di interesse dei titoli di stato decennali tedeschi e quelli degli americani non è mai stato così alto e le poliiche monetarie sono conseguentemente diverse (restrittiva quella della FED, ancora impegnata nel QE quella della BCE).

La eventualità di una rottura dell’alleanza atlantica, nei fatti anche se non nella forma, si avvicinerebbe ancor di più con la formazione del governo populista italiano: non a caso il Financial Times ieri titolava “Roma apre la porta ai barbari moderni” e Liberation, con un più chiaro e sonoro “Vaffanculo”, notava la pericolosità di ritrovarsi con un partito di estrema destra al potere molto simile al FN francese.

Tra la svolta autoritaria putiniana e l’antiamericanismo, anche la sinistra italiana è chiamata a fare finalmente delle scelte e a ricoprire qul ruolo di difesa della democrazia e dei diritti sociali e individuali che hanno per lo più caratterizzato e giustificato la sua esistenza nell’Europa libera e unita del dopoguera: vedremo se mancherà anche questa volta l’appuntamento con se stessa.