Per documentare l’immaginazione di un ciclo ribassista così profondo del sistema liberale e democratico e la nascita di una minaccia concreta  all’equilibrio economico sociale mondiale realizzato in un periodo cinquantennale di pacifico sviluppo dele istituzioni sovranazionali, per smentire la teoria sistematizzata della “fine della storia”, per vedere compromesso quel modello di democrazia rappresentativa che sembrava destinato a globalizzarsi insieme al capitalismo, dovremmo forse tracciare più una storia psicologica collettiva della crisi di identità dell’uomo contemporaneo occidentale che sommare dati economici e risultati elettorali.

O forse dovremmo rivolgerci ai testi classici della letteratura politica, per scoprire che la degenerazione populista della democrazia si trasforma necessariamente in tirannia, quando si è colpevolmente abbandonato il governo dei pochi con il consenso dei molti.

Sta di fatto che oggi all’ordine del giorno politico in tutto il mondo ci sono questioni come il protezionismo economico, il respingimento alle frontiere dei migranti, il rifiuto del professionismo politico (e non solo politico), il disprezzo per la libertà privata (di proprietà, di opinione, di religione), l’estremismo ignorante di un popolo incapace di virtù: più che la fine della storia sembra un tentativo di negazione della stessa, una ubriacatura distruttiva del mondo circostante.

Si è rotto un patto di governo, tra governati e governanti, tra élite e popolo, quella antica santa alleanza tra Yahweh e gli israeliti che la Bibbia ci ha insegnato ad aggiornare sempre con uno spirito nuovo che non cancella quello vecchio.

Ecco a cosa serve la politica, a rinnovare quel patto e a renderlo stabile e funzionale al benessere e alla crescita della collettività. E non è che recuperando questa funzione storica, che una interpretazione politica democratica (e se volete di sinistra) può uscire dalla marginalità attuale e rispondere alle proprie responsabilità di mediazione degli interessi, di equilibrio sociale e di individuazione degli obiettivi di progresso economico e culturale delle masse.

 

You Might Also Like

Europa o morte

La “dottrina Trump”